cambiare lavoro a 40 si può

Cambiare lavoro a 40 anni: componi i 7 pezzi del tuo tangram professionale

 

cambiare  il tuo curriculum o cambiare mentalità?

Uno delle primi pensieri della maggior parte delle persone quando vogliono o devono cambiare lavoro è il curricolo. Aggiornarlo o rifarlo ex novo?Il dilemma puoi metterlo nel cassetto perché il CV ha perso terreno.
E vero che molti selezionatori si ostinano a chiederlo ma cosa vuoi farci se si sono fermati al secolo scorso?
Questo è un mondo Vica ( in fondo al post il perché e tutta la storia) dove la carriera
non è più una linea dritta.
Mia nonna entrò alla Monti e Martini e ci restò una vita fino alla pensione.Si cambiava lavoro solo in casi eccezionali.
Oggi questo è archeologia.Il lavoro è flessibile e quello indeterminato( famoso posto fisso) è come vincere alla lotteria di Capodanno.

L’arte del surfing
Per stare a galla e dominare le onde della ambiguità e della incertezza abbiamo bisogno di un metodo nuovo ma soprattutto di un mindset ( modo di pensare) completamente diverso.
Devi iniziare a pensarti come il boss di te stesso, crearti un brand che ti distingue e una storia per farlo sapere al resto del mondo.
Capire quello che hai di unico e speciale da offrire nel campo professionale e saperlo comunicare per conquistare la fiducia dei tuoi potenziali ‘clienti’ (aziende o professionisti che ti daranno lavoro) non è una passeggiata o qualcosa che si fa
nei ritagli di tempo

Hai presente le ricerche di mercato e le strategie di marketing per lanciare un prodotto sul mercato e distinguersi da prodotti simili?
Dalla storia da raccontare,lo slogan che colpisce ai colori giusti della confezione.
Certo non sei una multinazionale,non devi conquistare fette di mercato.
Vuoi trovare o cambiare lavoro e battere i tuoi concorrenti con la strategia vincente

Ecco due consigli basic per iniziare

consiglio numero 1 : fai l’inventario

quando si cambia carriera è fondamentale scandagliare due punti
1 chi sei
2 cosa fai
La cosa migliore è mettere sul tavolo i tuoi magnifici 7

cambiare lavoro a 40 anni con il tangram

Conosci il tangram? E’ un puzzle di 7 pezzi con i quali puoi comporre un sacco di figure

I tuoi sette pezzi rappresentano il tuo capitale professionale,i mattoni per costruire
1valori e motivatori
2 skill
3 esperienze e know how
4 passioni
5 interessi
6 doti personali
7 talenti

COSA POSSO FARE PER TE
Il mio compito è aiutarti ad esplorare ogni aspetto del tuo profilo professionale attraverso 7 domande.
Non è il solo metodo.Ogni cliente ha la sua storia quindi scelgo con cura,oltre a questo,altri metodi e tecniche per arrivare alla soluzione
consiglio numero 2: costruisci la tua personal brand identity
Immagina di essere una start up che vuole vendere il proprio servizio.
Il tuo servizio è la professionalità che hai maturato

consiglio numero 2 : devi creare il tuo brand

Hai bisogno di costruire la tua immagine per emergere,farti conoscere come professionista competente e affidabile.
Avere il tuo brand online e offline è fondamentale per differenziarti dagli altri

Sono affezionata al numero 7 ( il mio mese di nascita) quindi ecco le 7 parole chiave per costruire la tua personal brand identity
. 1 Personalità
il nucleo del tuo brand,un mix di carattere, doti personali
valori,passioni motivazioni

2 Risorse
che talenti ancora nascosti puoi sviluppare?

3 impressione
In cosa ti distingui?
chiedi alle persone che ti conoscono per raccogliere, valutazioni, giudizi, opinioni su come ti vedono

4 Target
Chi può essere interessato a ciò che hai da offrire?
Chi sono i tuoi concorrenti?

5 pitch
Come definiresti in due o tre brevi frasi il tuo profilo professionale?
ecco un post sull’argomento pitch

6 tool
Una volta che hai trovato il tuo pitch è necessaria una coerenza di immagine nel come ti presenti.
Dalla foto che metti su isocial al biglietto da visita al dress code che scegli per
essere credibile,affidabile e profesisonale

7 self marketing
La tua immagine rappresenta,secondo studi condotti in questo campo,il 55% del tuo potere di influenza quando incontri qualcuno mentre il 38% proviene dal tuo comportamento e dal tono della tua voce.
Le parole che usi rappresentano il 7% e naturalmente contano anche quelle nel primo impatto con qualcuno che incontri per la prima volta.
Anche le tue parole devono riflettere il fattore chiave del tuo brand.
Se il tuo brand veicola il messaggio ‘creatività,energia’ allora anche il tuo stile di comunicare dovrebbe riflettere i due elementi chiave.
Uno dei tools più efficaci è il tuo career portfolio.

The only security you have is in your personal brand
Seth Godin

ti interessa saperne di più? mandami in messaggio 

può interessarti
il tuo capitale professionale
il mondo di oggi è VICA

Condividi questo articolo sui tuoi canali social! Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.